Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Pubblicato il 17/06/2019

FIRMATO L'ACCORDO TRA LE PROFESSIONE SANITARIE PER MIGLIORARE I SERVIZI AL CITTADINO

Venerdì, 15 Giugno 2019 presso la sede dell'OMCeO  è stata posta la firma al documento condiviso tra tutte le professioni sanitarie della Provincia di Piacenza.

La finalità del documento condiviso dagli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Piacenza, Professioni infermieristiche di Piacenza, Medici Veterinari di Piacenza, TSRM PSTRP di Piacenza, Farmacisti di Piacenza, Chimici e Fisici di Parma e Piacenza, Psicologi Emilia Romagna e Biologi Nazionale è quello favorire la collaborazione interprofessionale, nel rispetto delle diverse competenze e responsabilità e nell’interesse dei cittadini.

“E’ un documento, primo e finora unico caso in Italia, di cui andiamo orgogliosi – ha voluto sottolineare il Presidente dell’OMCeO Piacenza Augusto Pagani, che ne ha illustrato i contenuti nel corso di una conferenza stampa insieme ai rappresentanti delle professioni sanitarie coinvolte, Maria Genesi (Professioni Infermieristiche), Flavio Grazioli (TSRM PSTRP), Medardo Cammi (Medici Veterinari), Carlo Bertuzzi(Farmacisti), Claudio Mucchino (Chimici e Fisici), Laura Franchomme (Psicologi), Paolo Francesco Davassi (Biologi) e Filippo Marchesi (Osteopati).

 

Manifesto integrazione professioni sanitarie.pdf   
Pubblicato il 28/05/2019

Nuova modalità di pagamento della quota albo Ordini delle Professioni Infermieristiche (PagoPA)

Da quest’anno l’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Piacenza, quale ente pubblico, ha l’obbligo per la riscossione dei tributi e l’erogazione dei pagamenti, di procedere con le modalità previste dal sistema Pago-PA (normativa prevista dall’Art. 5 del Codice dell’Amministrazione Digitale e dall’Art. 15, comma 5-bis, del D.L. 179/2012).

La procedura è di fatto OBBLIGATORIA per legge e serve a ridurre i costi e le procedure burocratico amministrative sia per gli Enti che per i professionisti.

Per effettuare il pagamento è necessario avere a disposizione il modulo di pagamento riportante il Codice Avviso e/o il Codice IUV ed il QR-Code che riceverete a domicilio assieme a tutte le informazioni necessarie.

Questo sistema permette il pagamento della tassa di annuale di iscrizione in molteplici modi:

– sul sito web https://www.pagodigitale.it, accedendo alla sezione ESEGUIRE UN PAGAMENTO, selezionando l’ente convenzionato e inserendo il codice avviso e/o codice IUV presente sull’avviso. E’ possibile scegliere tra gli strumenti di pagamento disponibili: carta di credito o debito o prepagata sui principali circuiti (Visa, MasterCard, VPay, Maestro, Cartasì, etc.) oppure il bonifico bancario presso il Gruppo Intesa San Paolo;

– sulla propria home banking dove sono presenti i loghi CBILL o PagoPA, ricercando l’Ordine per nome o tramite il codice interbancario CBILL nell’elenco delle Aziende e riportando il Codice Avviso, che bisognerà avere a disposizione, e l’importo;

– presso le tabaccherie con circuito Banca 5 e i punti vendita SisalPay, LIS Paga (Lottomatica), PayTipper, etc.;

– presso le banche e gli altri prestatori di servizio di pagamento (PSP) aderenti all’iniziativa, tramite gli altri canali da questi messi a disposizione (come ad esempio: sportello fisico, ATM, Mobile banking, Phone banking).

SI PRECISA CHE E'  POSSIBILE ESEGUIRE IL PAGAMENTO PRESSO POSTE ITALIANE CON BOLLETTINO POSTALE PA. DELL'AVVISO DI RISCOSSIONE MEDIANTE LETTURA QR CODE DA PARTE DELL'ADDETTO. 

NON E' PIU'POSSIBILE COMPILARE IL BOLLETTINO POSTALE NORMALE. IN CASO DI DIFFICOLTA' CONTATTARE LA SEGRETERIA

Gli iscritti non in possesso di PEC riceveranno come gli altri anni il bollettino postale con scadenza 15 Luglio 2019

Lettera accompagnamento PagoPa.pdf    Fac-simile-PagoPA.pdf   
Pubblicato il 21/05/2019

Protocollo tra infermieri e ingegneri clinici per qualità e sicurezza della sanità digitale

Siglato il protocollo a Catanzaro da Lorenzo Leogrande, presidente del'Associazione italiana ingegneri clinici e Barbara Mangiacavalli, presidente della Fnopi. Obiettivo principale quella della misurazione dell’impatto della sanità digitale mobile sui pazienti, sui professionisti e sul Servizio sanitario nazionale e il monitoraggio comune, continuo e condiviso della sua diffusione all’interno dei luoghi di cura e sul territorio

protocollo AIIC - FNOPI.pdf   
Pubblicato il 09/05/2019

In corso la campagna per la Giornata Internazionale dell'Infermiere

Pubblicato il 14/04/2019

Approvato dal Consiglio Nazionale il nuovo codice deontologico.

Dopo dieci anni dalla versione del 2009, il Codice si rinnova integrato con tutto ciò che riguarda leggi, regolamenti, situazioni che si sono succedute negli anni e, soprattutto, nuove responsabilità nel passaggio da Collegi a Ordini, ora enti sussidiari dello Stato con la modifica di ruoli, responsabilità e capacità di intervento.

Il Codice deontologico degli infermieri non è una semplice enunciazione di regole: è il vero e proprio vademecum della professione, come questa deve svolgersi, come deve affrontare e risolvere i problemi, come deve rapportarsi con i pazienti, i colleghi, le istituzioni, le altre professioni. Come la professione sia a fianco di chi soffre e ha bisogno di assistenza e sia divisa dalla politica.

E dopo dieci anni dalla versione del 2009, si rinnova integrato con tutto ciò che riguarda leggi, regolamenti, situazioni che si sono succedute negli anni e, soprattutto, nuove responsabilità nel passaggio da Collegi a Ordini, ora enti sussidiari dello Stato con la modifica di ruoli, responsabilità e capacità di intervento.

Per tutte le altre news clicca qui